I servi del silenzio: secondo atto con il codice Parsifal di Marino Fracchioni

CENTRO – Secondo appuntamento con le avventure de “I Servi del Silenzio” che arriva nelle librerie con il suo secondo volume: il Codice Parsifal. Venerdì 10 novembre alle ore 21 presso la sala Nimbo del centro culturale G. Marzanti, l’autore, Marino Fracchioni presenterà il suo secondo romanzo ambientato tra spie intrighi e professionisti della sicurezza. «Non mi definisco uno scrittore visto che ho intrapreso questa attività a tempo perso. Ho scritto un paio di libri. Di professione insegno agli investigatori militari lo spionaggio ed il contro spionaggio. Sono in possesso del “Nulla Osta Segretezza” e sono uno  dei pochi che insegna determinate tecnologie. Questo lavoro mi ha portato a conoscere persone particolari. I personaggi che sono i protagonisti dei miei due romanzi sono infatti persone reali che vivono in Spagna e di cui ho romanzato le vicende. Io lavoro ed abito anche a Barcellona». Ma chi sono i servi del silenzio? «Sono un gruppo di persone, sette in tutto, due donne e cinque uomini. Lavorano per il governo spagnolo contro la criminalità comune o internazionale.  Intrigante il racconto che vede i protagonisti partire da Palma di Maiorca per approdare in Sicilia dove si scontrano con la mafia locale e diverse realtà. Sopprusi e violenze sono all’ordine del giorno». I servi del silenzio sono anche un cortometraggio… «Sì. Il primo romanzo era stato già trasformato in un cortometraggio realizzato digitalmente.  Oggi sulla falsa riga di quella esperienza abbiamo realizzato un altro cortometraggio con degli attori veri che recitano una azione raccontata nel libro. Non è ancora online ma lo sarà dopo la presentazione del 10 novembre a Trofarello alle ore 21 presso il Centro culturale Marzanati». Ed il futuro di  Marino Fracchioni? «Sono in preparazione il terzo volume de “I servi del silenzio” ed un’altra storia cui tengo particolarmente: “La bottega delle spie”  ispirato ampliamente alla mia esperienza di spionaggio e controspionaggio. In questa opera tratterò dei pericoli in cui incorriamo tutti i giorni utilizzando telefoni cellulari, sistemi wifi, telecamere, televisori ed ogni apparecchio elettronico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.