Il tempio della danza trofarellese compie 40 anni
di vita e festeggia con un grande spettacolo

CENTRO – La Scuola di Danza trofarellese CT di Cristina Trinchero compie 40 anni. E riprende a pieno regime, dopo due anni di restrizioni a causa della pandemia, con un grande spettacolo.
«La storia dello Spettacolo di quest’anno, parte esattamente dalla data infelice del 23 febbraio 2020 che ha dato inizio al lungo periodo di pandemia.
Eravamo in Teatro felici di poter portare in scena il frutto di un lungo lavoro e da allora eccoci qui, ancora in attesa di poterci esibire
– spiega la Trinchero – Quel giorno, Con le lacrime in tasca ce ne siamo tornati tutti a casa e da allora abbiamo pregato che tutto finisse in fretta, ma ahimè sono passati più di due anni prima che questo palco potesse nuovamente accoglierci
La Danza ci ha uniti e il vissuto che abbiamo trascorso insieme non lo dimenticheremo facilmente, certo, abbiamo perso tante opportunità, ma ne siamo sicuramente usciti arricchiti e più legati.
Riprendere in mano la capacità organizzativa dopo essere rimasti chiusi in casa per mesi, è sicuramente stata la cosa più difficile, inizialmente ho ritrovato allievi /e distratti, bambini/e con lo sguardo perso, genitori in balia del “non so cosa fare”, la confusione più totale si era impossessata delle nostre menti e dei nostri corpi, ma l’amore per la Danza è stato il nostro carburante e il lavoro di tutti gli insegnanti è stato quello di aiutare a rimettere in movimento il motore, quindi penso che in questo caso sia giusto dire che l’arte salverà il mondo.
IL 22 maggio si terrà il saggio di chiusura di questo periodo difficile, ma speriamo anche di apertura per un proseguo più sereno, ha un valore grandissimo per il nostro Centro perché rappresenta anche il quarantesimo anno di attività della Scuola, tanti anni in cui sono stati forgiati centinaia di ragazzi, molti dei quali ora diventati Danzatori e danzatrici professionisti che vorrei poter avere tutti con me nella serata che festeggia con 40 anni di attività
– continua la Trinchero – Lo spettacolo che abbiamo preparato è l’insieme di tutto ciò che abbiamo studiato e provato in questi due anni,non c’è una storia ma semplicemente tutto quello che ci è piaciuto imparare e ballare, ecco perché la serata si intitola “SERATA DI GALA”.


Nel primo tempo faremo un viaggio tra i più importanti balletti del repertorio classico, da Schiaccianoci, a Bella Addormentata, Romeo e Giulietta, Giselle, Bayadere e Cavallino Gobbo.
Mentre nel secondo tempo voleremo da una parte all’altra del mondo con le Danze di carattere, dalla Polonia alla Francia, alla Bielorussia e alla Spagna.
Un ringraziamento speciale va a tutti gli Insegnanti. Citiamoli allora maestra Trinchero questi insegnanti.
• Elena Vicentini per il repertorio classico
• Ioulia Sofina per le Danze di carattere, grande conoscitrice e studiosa di Danze storiche e Danze di carattere.
• Gabriella Ottavi Fabrianesi già ballerina professionista che attualmente segue il Corso elementare con infinita passione.
• Davide Accossato per il Tip Tap ex allievo della Scuola che ha proseguito gli studi del Tip Tap a New York ed ora rinomato Mastro in campo nazionale.
• Raffaella Ravetti per il contemporaneo meravigliosa, frizzante e paziente insegnante di tecnica contemporanea
• Gaia Daniello formata nella nostra Scuola, approdata a soli 16 anni a New York all’ALVIN AILEY AMERICAN DANCE TEATRE, studia attualmente all’Accademia Teatro alla Scala dove è tirocinante dal primo al terzo Corso.
• Un ringraziamento a Fiammetta Daniello ballerina professionista diplomata all’Accademia Teatro alla Scala che ha contribuito alla preparazione del Cavallino Gobbo».

Non dimentica nessuno? «Beh… Infine ci sono io. Cristina Trinchero creatrice e fondatrice del Centro Studio Danza CT dal 1982, in continuo aggiornamento didattico seguo e dirigo la Didattica di tutti i corsi». La Trinchero si definisce: Insegnante dii Danza, coreografa, talent scout, tuttofare, psicologa, segretaria, infermiera, costumista e all’occorrenza “cerbero” e mamma della Danza per tutti gli allievi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.