“Una scelta in Comune” approda a Trofarello

La giunta comunale ha ufficialmente deliberato l’adesione di Trofarello al progetto “Una scelta in Comune”.
A breve sarà dunque possibile esprimere i propri intendimenti sulla donazione di organi e tessuti all’atto del rilascio o del rinnovo della carta di identità.
Ne ha dato notizia ufficiale il sindaco Visca, in occasione del consiglio provinciale AIDO che si è tenuto proprio a Trofarello sabato scorso. «Ringrazio il presidente Agostino Gaude e la vice presidente Rosina Scaglia dell’Aido Trofarello, e Riccardo Bosco, per aver promosso l’iniziativa – dice il sindaco Visca – L’amministrazione ha accolto con sensibilità l’invito ed io prima persona ho perseguito il raggiungimento di questo traguardo. I funzionari comunali saranno adeguatamente formati ad affrontare questo delicato argomento, e realizzeremo anche una campagna di informazione volta alla popolazione, sempre in collaborazione con l’Aido».
DonaLaVita
«La delibera della giunta è un premio all’attività di chi ha lavorato, e continua a farlo, su donazione e trapianto – dice soddisfatto Riccardo Bosco, medico anestesista in pensione, colonna fondante del sistema territoriale di donazione organi – Mi riferisco alle associazioni e a tutti gli operatori sanitari che si battono per la diffusione della cultura della donazione. Questa decisione ha una valenza ancora più positiva perché arriva in un momento di difficoltà della rete piemontese. Infatti nel primo semestre del 2015 si sta registrando una flessione del numero dei donatori a causa dei tagli imposti dalla crisi che fanno sì che vengano messi in atto percorsi diversi durante il ricovero dei cerebrolesi ultra sessantacinquenni all’interno degli ospedali».
Una volta manifestata in Comune la volontà di donare, il cittadino verrà registrato nel SIT (Sistema Informativo Trapianti), ma sarà comunque possibile cambiare idea in qualsiasi momento.
Così facendo si eviterà anche di impegnare in futuro i propri familiari in una decisione difficile. Restano ovviamente valide le modalità già esistenti, ovvero l’iscrizione all’Aido o l’espressione di volontà presso lo sportello ASL di Moncalieri, via Vittime di Bologna.
Sandra Pennacini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.