Al via l’area cani in zona stazione

Zona Ex Conceria: i giardinetti diventano “anche“ la nuova area cani di Trofarello.

STAZIONE – Sono le 12,30 di sabato 17 ottobre ai giardinetti dell’ex Conceria e da ogni direzione si vedono arrivare persone con cagnolini di taglie e razze diverse. Entrando li lasciano liberi di correre e la loro gioia è veramente contagiosa.
L’area cani non è ancora stata inaugurata – i lavori devono essere conclusi – eppure di fatto, se non ancora ufficialmente, è già in piena attività.

«E’ veramente comodo avere l’area cani sotto casa, manca solo una fontanella e un regolamento che disciplini le entrate perché ci sono persone che non ci mettono buonsenso» ci dicono due signore raggiunte all’entrata dell’area.

Area cani Trofarello

Un’ora più tardi l’incontro con l’assessore Ronello Bozzo, cui chiedo subito perché è stato deciso di fare l’area cani proprio in quella zona “tra il centro anziani e i giardinetti, troppo in prossimità delle case”, un’ubicazione che trova il disaccordo anche del Movimento 5 Stelle, che pure ha proposto e sostenuto la necessità di un’area cani per Trofarello.  «Abbiamo scelto quel parco perché già da tempo era utilizzato abusivamente dai possessori di cani come luogo di svago e per questo motivo le mamme si erano spostate con i bambini in altri giardinetti della città» spiega l’assessore «Lo scopo è stato quello di risolvere un problema anziché crearlo. Così abbiamo semplicemente riorganizzato il parco, con una spesa contenuta di circa 9 mila euro, dividendolo in due aree. La prima a ridosso delle case che diventerà un giardinetto per bimbi: verrà aggiunta della terra, saranno piantate delle piante per creare ombra e ci saranno panchine e giochi nuovi. L’area cani sarà creata in un’unica zona, anche questa con panchine e fontanella, posizionata tra il centro incontri e via Diaz, così sarà anche più semplice per i vigili controllarla. Non mi preoccupano le critiche, quello che mi preoccupa, vista la precedente esperienza di via Nenni, è l’igiene.  Quell’area cani era stata chiusa per il degrado igienico. Non venivano raccolte le deiezioni, generando un problema  talmente grave che gli addetti si erano addirittura rifiutati di tagliare l’erba – ci dice l’assessore, e precisa – a tal proposito ci sarà un cartello con regolamento esposto e sarà prevista una multa da 50 a 500 euro per chi non raccoglie le deiezioni. Non è detto che non si decida di mettere anche una telecamera di sorveglianza» conclude l’assessore.

Un’unica area, quindi, per i cani. Ma non creerà qualche problema? Chiediamo il parere della signora Simona Zucca, educatrice cinofila APNEC (associazione professionale nazionale educatori cinofili): «In genere sarebbe opportuno dividere l’area almeno in due zone, per la tutela dei cani che possono avere problemi comportamentali, per la presenza di cani di taglie e caratteri diversi o di cani che, per esempio, hanno subito un intervento e hanno problematiche motorie. A tutti deve essere data la stessa opportunità di sgambare. Questa divisione eviterebbe anche discordie tra i padroni: in un’unica area sicuramente si presenteranno situazioni di persone che prenderanno possesso del tutto ed in questi casi, senza adeguata vigilanza, anche un eventuale cartello con la regola dei 15 minuti servirà a ben poco. Ho proposto al Comune di stabilire per 1 o 2 giorni alla settimana la presenza gratuita di un educatore che potrebbe dare consigli su come gestire i cani e sensibilizzare le persone al rispetto degli altri. Un’associazione che gestisca e sorvegli l’area per me sarebbe la soluzione ideale per la riuscita del progetto».

L’inaugurazione ufficiale è prevista per fine ottobre.

Leggi anche: Cambiano, inaugurazione area cani prevista per fine mese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.