Il verde è al verde. Le mamme si lamentano

giardino Belvedere

CENTRO – Continua la polemica sullo stato dei giardini di Trofarello. Giovedì 3 novembre presso gli uffici comunali, si è tenuto un incontro tra sindaco, mamme e giovani trofarellesi. Argomento centrale: lo stato di abbandono in cui versano le aree verdi del Paese. Scarsissima la partecipazione nonostante l’evento fosse stato ampiamente pubblicizzato sui social network. La mancanza di risorse finanziarie, come affermato da Visca, non ha permesso il ripristino dei giochi da parte del Comune, i cui sforzi si sono invece concentrati sulle scuole, per le quali negli ultimi anni sono stati spesi in totale 13 milioni di euro circa.
Ad oggi vi sono a disposizione 38 mila che verranno destinati, con ogni probabilità, ad attrezzare i giardini di Via Garibaldi e zona Corea, aree individuate sulla base dei numeri forniti dall’anagrafe, in riferimento alla presenza dei bambini fino a 12 anni d’età ed in base alle istanze presentate da alcuni genitori. Al momento nessun progetto all’orizzonte per quanto riguarda le aree verdi di Via Ley, Belvedere e Via Pietro Nenni. A quest’ultima in particolar modo, è stata offerta una donazione di canestri che non potrà a quanto pare essere accettata per motivi di carattere legale. È stato inoltre sottolineato dalle partecipanti il degrado dell’area di Via Morgari, la cui pulizia è avvenuta soltanto dopo svariate sollecitazioni indirizzate all’ufficio tecnico. Visca ha comunque offerto la propria disponibilità a visionare, insieme alle mamme interessate, i giardini nonché i progetti dei parchi prima che venga effettuata l’installazione dei giochi.
Il confronto è stato anche l’occasione per dar voce ai pochi giovani presenti, i quali hanno lamentato la scarsità di servizi offerti nei loro confronti e l’assenza di un luogo di ritrovo ed aggregazione, considerato che allo stato attuale non vi sono locali comunali da mettere a disposizione per tale scopo.

Federica De Marco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.