L’ecocentro si modifica

CENTRO -E’ partita sabato 19 dicembre, a Piossasco, l’informatizzazione dei centri di raccolta gestiti dal Covar14, già sperimentata a Carignano da giugno a oggi. La “rivoluzione” degli accessi agli ecocentri interesserà, nei prossimi giorni, anche Bruino e Orbassano, poi Beinasco e Rivalta di Torino, mentre a gennaio le nuove modalità coinvolgeranno gli altri Centri di Raccolta del territorio, tra i quali Trofarello. La tecnologia entra, così, nella gestione dei rifiuti consegnati dai cittadini direttamente agli ecocentri, ora attrezzati con lettori palmari o totem interattivi touch screen, capaci di riconoscere l’utente e registrare i suoi conferimenti. Accedere sarà più semplice. Unica accortezza richiesta ai privati sarà portare con sé la tessera sanitaria, per permettere l’accesso immediato.

Alle utenze non domestiche è rivolta, invece, l’Operazione Covar Business, legata alla distribuzione di 13mila tessere personalizzate per aziende e attività produttive. Le prime card saranno disponibili per negozi, uffici, artigiani, commercianti e altre categorie professionali dei 5 Comuni e potranno essere ritirate presso il CdR o prenotate sul sito www.covar14.it, da inviare via mail a servizi@covar14.it o per fax al numero 011 969 8628.

La nuova tecnologia consente di regolamentare e censire gli accessi, accettando solo i contribuenti registrati, ottimizza i flussi di rifiuti e porta gli ecocentri al passo con quanto previsto dalle norme in vigore e con il relativo “bilancio di massa”, che prevede una dettagliata mappatura per quantità (numero e volume) e qualità (tipologia) dei rifiuti in entrata e in uscita.

Ma la svolta nella gestione dei CdR non si ferma all’evoluzione tecnologica. Dal mese di marzo, quando la novità sarà a regime anche per Trofarello, sarà possibile conferire indifferentemente in ognuno dei 16 centri di raccolta. Sarà un passo importante per agevolare i cittadini dei 19 Comuni, che potranno scegliere dove rivolgersi in base alla necessità del momento, una “apertura” che potrà contribuire a incrementare e ottimizzare la raccolta differenziata di ingombranti, rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, pneumatici e altri materiali ammessi all’ecocentro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.