Presepi meccanici e campi di battaglia

CENTRO – Stanno già lavorando da qualche mese i volontari dell’associazione per realizzare un presepe ancora più ricco e bello. «Quest’anno abbiamo modificato la profondità di campo, modificando l’altezza delle statuine, abbiamo rimodellato le luci ed inserito dei nuovi personaggi che nell’edizione 2015 sono stati realizzati in terracotta e rivestiti in stoffa. Altre figure in movimento, novità di questo presepe sono galline, conigli, il bue e la mucca – spiega Francesco Ferrando, presidente dell’associazione – Altra novità assoluta di questa edizione sarà la presenza, all’interno della mostra di un presepe che fa riferimento alla guerra del ‘15-’18. Un’opera realizzata dal socio Guido Pennacini. Sarà infatti esposto  un plastico con dei soldati alpini con la Natività. Durante le visite dei bambini della scuola spiegheremo così in occasione del centenario della prima guerra mondiale i momenti salienti della guerra. Inseriremo anche un
presepe in gesso dei primi del ‘900 ristrutturato dall’associazione. Faremo poi un’esposizione di quadri con le immagini di come si è evoluta negli anni la realizzazione del presepe. Dalle prime sacre famiglie ai giorni nostri».

L’Associazione Amici del presepe sostiene  “T’accendo la Città”
L’associazione Amici del presepe, che da anni promuove la cultura del presepe in città, entra trionfalmente nell’operazione “T’accendo la città” e mette a disposizione dei commercianti che lo desiderino presepi e natività per addobbare la vetrina ed introdurre un sano momento di riflessione sulla sacralità della famiglia. Un ritorno alla tradizione ed una stretta di briglia al consumismo ed alla frenesia commerciale.
L’associazione Amici del Presepe, che da un paio d’anni fornisce ai commercianti presepi per le loro vetrine, entra quindi a pieno titolo nel concorso T’accendo la città con la natività e svolgerà anche la funzione di giuria, insieme ai lettori che voteranno attraverso l’apposita scheda che sarà pubblicata sul giornale.
In palio per gli esercenti Cata Sì! due mesi di pubblicità gratuita tra marzo ed aprile su La Città e la stampa di 5 mila volantini. Contattare i membri dell’Associazione. Allestimento entro l’8 dicembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.