Da Trofarello a Cambiano per le nozze nella data obbligata

Monica Ottone Marco Rosso con il sindaco di Cambiano Carlo Vergnano

CENTRO – Una storia d’amore al contrario? No. Una filosofia di vita che li ha portati a fare le scelte giuste, nei momenti giusti e che è approdata a Cambiano grazie alla disponibilità della sala del consiglio comunale di palazzo Civico. E’ la storia di Monica Ottone e Marco Rosso, entrambi trofarellesi che sono convolati a nozze, proprio a Cambiano,  il 4 marzo. Un’esperienza, quella del matrimonio in città, più che positiva, con impiegati ed amministratori disponibili e gentili. Un’esperienza che è finita su un post dei tanti gruppi cambianesi che imperversano su Facebook. E così da internet salgono agli altari della cronaca. «Ci è parso giusto sottolineare questa realtà. E’ un luogo comune che i dipendenti pubblici facciano il giusto indispensabile. Noi a Cambiano abbiamo trovato persone che ci hanno accolto benissimo. Una bellissima esperienza». Marco e Monica, entrambi  quarantaduenni, vivono a Trofarello. Stanno insieme da undici anni. «Nel nostro percorso di vita a due abbiamo fatto un ragionamento al contrario. Abbiamo prima pensato a creare una famiglia e poi a formalizzare questa unione. Avevamo una data vincolante. Sabato 4 marzo perché i nostri testimoni di nozze, Fabio e Valeria, arrivavano dall’Australia per un veloce rimpatrio di una quindicina di giorni e poi il 5 marzo era il compleanno di Marco mentre io li facevo il 3 – spiega Monica – La data di sabato 4 marzo quindi era perfetta.  Abbiamo optato quindi per Cambiano la cui sala consiliare ci è piaciuta moltissimo.  Sufficientemente grande per ospitare tutti in caso di pioggia. La signora dell’ufficio anagrafe è stata molto più che gentile, aiutandoci negli addobbi con fiocchi di tulle, proponendoci letture e musiche all’ingresso della sposa per creare la migliore atmosfera possibile. Insomma siamo rimasti molto contenti ed abbiamo voluto realizzare quel post su Facebook proprio per rendere giustizia   a questa grande disponibilità». La cosa più emozionante? «Ci siamo conosciuti undici anni fa. Abbiamo iniziato a convivere. Nonostante la convivenza c’è stata una certa emozione per  il fatto che al nostro fianco ci fossero i nostri figli, Samuele di 7 anni ed Ambra di 5 anni – spiega Marco – Samuele era più nervoso di me. Abbiamo condiviso emozioni coi bambini che solitamente non si condividono. Un ricordo che ci porteremo tutti quanti nella memoria».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.