Scomparso Piero Angela, torinese di origine, realizzò uno dei suoi primi servizi giornalistici sui 150 anni di fondazione della Banda Santa Cecilia. Una interrogazione del gruppo politico Noi Trofarello lo vuole ricordare intitolandogli una strada o un giardino

Noi Trofarello, gruppo politico di opposizione propone di intitolare a Piero Angela un giardino o una via cittadina. Presentata oggi una mozione con la richiesta. «Oggi si è spento il giornalista, conduttore e divulgatore Piero ANGELA; nell’apprendere con tristezza la morte di un grande italiano che ha lambito nel corso della sua eccezionale carriera anche il nostro Comune, portando alla ribalta dell’informazione la Banda Musicale di Santa Cecilia, in occasione del suo primo reportage nel lontano 1952 – spiega Marco Cavaletto a nome di Noi – La Banda Santa Cecilia, infatti, nel gennaio 1989 ha realizzato un bellissimo e seguitissimo concerto per Piero Angela in occasione del suo sessantesimo compleanno ed in memoria del suo primo servizio giornalistico avvenuto appunto nel 1952, in occasione del 150° anniversario di fondazione della nostra Banda. Quell’occasione è rimasta impressa nella memoria di moltissimi trofarellesi anche perché avvenne sotto forma di “sorpresa”. Piero Angela, portato da amici giornalisti a Trofarello in quella serata, era all’oscuro di quella iniziativa che gradì, ovviamente, con entusiasmo. Peraltro, Piero Angela è stato anche un buon musicista, soprattutto innamorato della musica jazz.

Il gruppo NOI TROFARELLO invita il Consiglio Comunale tutto a ricordare il giornalista in una occasione da organizzare con il coinvolgimento di tutti i cittadini e di renderne viva la memoria con l’intitolazione di un parco, di un giardino, di una via.

Piero Angela è nato a Torino nel 1928, figlio di un direttore di una clinica psichiatrica a San Maurizio Canavese, il divulgatore più amato dagli italiani muove i primi passi in Rai a Torino. Più volte insignito con vari riconoscimenti e lauree honoris causa, ha fondato nel 1981 la trasmissione “Quark” che dopo quarant’anni è tutt’ora in onda nella versione “SuperQuark” e che anche nell’edizione 2022 lo stesso Piero Angela continuava a condurre. Grande amico di Enzo Tortora, tra i pochi a difenderlo all’epoca del suo caso giudiziario, Piero Angela si è sempre distinto nella ricerca assidua della verità, della concretezza in difesa della scienza e del metodo scientifico rifiutando sempre e con ogni mezzo le scorciatoie della superstizione e delle credenze popolari. NOI Trofarello propone dunque al Consiglio Comunale di Trofarello, anche per la sua infaticabile attività e per la benevolenza espressa nei confronti della Banda Musicale Santa Cecilia, dando indirettamente lustro alla nostra città di Trofarello di voler intitolare a Piero Angela una via o un parco cittadino, ma anche di organizzare se possibile nel nostro comune per il prossimo 10 novembre, “Giornata mondiale della Scienza per la Pace e lo Sviluppo”, un momento commemorativo (convegno o altra iniziativa) in ricordo del grande giornalista scomparso».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.