800 atleti al via del Trofeo Zurletti

La corsa campestre di borgata Rivera si conferma tra le gare più importanti della provincia di Torino, infatti assieme agli altri due cross storici “Pellerina” e “Borgaretto” vanta una storia quarantennale. Il percorso per gli adulti era un giro di 3 km ricavato nei campi della borgata da ripetersi 2 volte. La nebbia che ha accolto i primi atleti ha dato poi spazio al sole ed a una temperatura quasi piacevole che mai si era avvertita nei “giorni della Merla”! La prima partenza vedeva impegnati i master 60 e oltre alle ore 9,30. Il primo a tagliare il traguardo è stato Umberto Onofrio 66enne del Dragonero (CN) a regolare anche i più giovani sessantenni. Nella seconda gara che vedeva impegnati atleti dai 45 ai 59 anni vittoria di Salvatore Ciantia su Ezio Martina entrambi della forte compagine del Borgaretto. Segnaliamo il terzo posto nella categoria master 55 per il locale barbiere Oliviero Porcellato. Ore 10,45 la partenza dei più giovani con il trionfo di Roberto Catalano del Cus Torino che bissava il successo di due anni fa davanti a Boscolo (Tranese) e Albertone (Cus TO). L’ultima partenza adulti vedeva impegnati gli Allievi e tutte le categori femminili. Il primo a percorrere i 3 km del tracciato è stato Orlando Dario Antonio (atl. Piemonte) e tra le donne Elisa Sartoretto (Borgaretto). Sono susseguite le partenze sempre numerose delle categorie giovanili cadetti/e, ragazzi/e ed esordienti. Segnaliamo tra i locali le buone prove di Alice Chiri nelle ragazze e Giulia Pezzana tra le esordienti entrambe settime e tesserate per l’Atletica Alpini Trofarello. Come si suol dire tutto è filato liscio come l’olio grazie all’entourage del circolo Alpini Trofarello al servizio Sigma della Fidal per le classifiche e al servizio cronometrico della UISP con Domenico Beri. Per curiosità un paio di ottantenni si sono lamentati perchè non erano stati previsti premi per la loro categoria: l’organizzazione si scusa: «L’anno prossimo provvederemo fino agli over 150 per non sbagliarci».

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.